Pillole di Conversazioni dal Basso

novembre 18, 2007

Anche se per il nuovo appuntamento Conversazioni dal Basso bisognerà aspettare ancora qualche mese, proseguono le riflessioni pubbliche sul tema ad uniurb. L’occasione ci è data questa volta dalla prima lezione del corso di Laboratorio di Web 2.0 (docente Luca Conti) attivato per il secondo anno consecutivo dal corso di laurea in Scienze della Comunicazione di Urbino.

L’appuntamento è per il 30 Novembre 2007 a Urbino presso la Facoltà di Sociologia.

Maggiori informazioni ed una descrizione completa dell’evento sul blog del corso di laurea.


Cosa abbiamo imparato sulle Conversazioni dal Basso

aprile 21, 2007

Una delle caratteristiche delle conversazioni online (almeno di una gran parte di esse), a differenza di quelle offline, è la permanenza nel tempo. Non si dissolvono nel nulla ma lasciano traccia. 

Proprio a partire da queste tracce (la SkypeChat, i resoconti e le chiacchiere a margine di Twitter, i post nei blog dei partecipanti postati durante e dopo il workshop) ho pensato di riprendere il discorso.

Conversazioni dal Basso è stato progettato come un workshop seminariale la cui forma rimandava al contenuto.

Ovvero si è cercato di parlare di conversazionidalbasso usando, in un evento organizzato da un Università, la forma delle conversazionidalbasso.

Per questo motivo mi sembra giusto distinguere le cose che abbiamo imparato sulla forma e quelle che abbiamo imparato sul contenuto (anche se ovviamente uno rimanda all’altro).

Per quanto riguarda il contenuto le cose imparate saranno descritte in 4 post, uno per conversazione, sulle 4 chiavi di lettura che abbiamo scelto per parlare di Conversazioni dal Basso:

I link a questi post saranno attivati a partire dalla mattinata di lunedì 23 Aprile in modo da poter includere le eventuali conversazioni/riflessioni scritte oggi.

Se per riflettere sui contenuti ci vuole tempo, per riflettere sulla forma si può iniziare subito.

La prima novità che ho notato è che, per la prima volta, molti studenti ed ex-studenti hanno usato il loro blog attivamente per promuovere l’evento. Sembra una cosa banale ma non lo è.

Il logo e il progetto grafico è stato realizzato spontaneamente e gratuitamente da Nicoletta e Anna Maria. Questo blog è stato scoperto prima che fosse lanciato ufficialmente proprio da uno studente. Alcuni si sono limitati a linkare e magari postare l’immagine dell’invito (1, 2, 3, 4, 5, 6), altri hanno anche aggiunto parole che non possono non fare piacere.

Grazie a questi link e ai moltissimi altri di blogger più o meno famosi (Adriano, Tommaso, Mauro, Michele, Luca [se non vi ho citato segnalatemelo] oltre che ovviamente i guest speaker Bernardo, Giuseppe, Lele, Luca e Massimo) questo blog ha ricevuto negli ultimi giorni prima del 20 aprile fra i 300 e 400 accessi giornalieri il che, anche se non ho dati specifici in merito se non l’esperienza del mio blog, credo sia un buon risultato per un blog nato da pochissimo.

Ma, in realtà, la maggior parte delle conversazioni sulle conversazioni dal basso sono state scritte durante l’evento. Una specie di cronaca in tempo reale da più punti di vista che ha reso possibile vivere almeno in parte l’evento anche ad alcune persone collegate nella Skype Chat in giro per il mondo. Ai flash in 160 caratteri curati da David (a proposito qualcuno ha capito chi è David? Rispondere solo Si o No nei commenti) si sono ben presto aggiunti altri cinguettii. Qualcuno, come Luca Conti è riuscito contemporaneamente ed apparentemente senza sforzo alcuno a usare Twitter, fare una cronaca sul suo blog, partecipare attivamente alla SkypeChat, fare un bell’intervento e chissà quante altre cose. Altri, apparentemente più normali, si sono limitati a raccontare l’evento per post sui loro blog (1, 2, 3 [anche qui se ho dimenticato qualuno segnalatemelo]).

Poi tutto è finito.

Oggi le reazioni. Il primo post che ho trovato non si presentava molto bene. Il titolo è Poche idee, ma ben confuse. Per fortuna il contenuto non è poi male come uno potrebbe immaginarsi dal titolo. Poi ho visto l’intervista che Tommaso ha fatto a Luca fuori dall’aula e mi sono convinto che una delle cose da migliorare per il futuro è sicuramente lo spazio da dedicare al dibattito che, sopratutto in mattinata, è scarseggiato. Molto positiva l’impressione di Anna che ha apprezzato (e non è la sola) in particolare Lele Dainesi ed il suo stile informale. Più che comprensibile la sensazione di essere travolti da una straordinaria quantità di stimoli intellettuali  (dal basso, di lato e da qualunque altra parte) di Roberta (impressione condivisa secondo me anche da altri docenti presenti).

UPDATE Poi ci sono su Flickr una parte del zillione di foto fatte. Altre verranno pubblicate suppongo nei prossimi giorni. Anche i video (ma non credo le intere relazioni perchè ho dei dubbi sulla qualità dell’audio) verranno montati e pubblicati. In entrambi i casi vi ricordo di usare il tag (etichetta) conversazionidalbasso.


Il web vivo

aprile 18, 2007

Uno degli aspetti più intriganti delle Conversazioni dal Basso sono sicuramente le metafore simbiotiche che la commistione fra tecnologia ed umano ha lasciato emergere intorno a questo fenomeno negli ultimi anni.

Dal celebre We are the Web di Kevin Kelly all’etichetta social software fino ad arrivare all’idea di Microsoft di acquistare il dominio Live.com ed etichettare così tutta la divisione che crea servizi sul web, la simbiosi uomo macchina sembra essere l’ultima carta vincente del marketing di Silicon Valley e dintorni.

Ma forse, come sembra suggerirci Bernardo Parrella da San Francisco commentando l’intervento di Dave Sifry (boss di Technorati) al Web 2.0 Expo, quello che c’è dietro il Live Web potrebbe non essere solo marketing.


Frammento n. 2

aprile 16, 2007

Ancora un frammento di riflessione via GBA. Questa volta il tema è i social networks (MySpace, Facebook, Friendster) come metafora delle relazioni mediate dalle tecnologie: ipersocializzazione o desocializzazione? E che conseguenze avranno sugli individui e sulla società?

Sempre sui social networks, Lele Dainesi annuncia un’intervista in forma di podcast ad un misterioso guru dei social networks ed allega il video di uno spot per un network sociale israeliano tutto da vedere per più di un motivo 😉