monitorare la rete

Era uno sporco lavoro, ma qualcuno l’ha dovuto fare.

Non credo fosse una facile impresa, quella di monitorare le conversazioni in rete durante la campagna elettorale appena conclusa. I curatori di Netmonitor hanno accettato la sfida, credo coraggiosamente. Si sono beccati rimproveri, a volte, rettifiche e precisazioni, ma anche complimenti. Complimenti di lettori entusiasti delle segnalazioni, lettori anche poco esperti della rete, che hanno scoperto informazioni e forme anche irriverenti di una creatività diffusa che senza il lavoro paziente dei redattori di NM sarebbe stata meno visibile. Netmonitor si è guadagnato anche complimenti e ringraziamenti di blogger che, si sa, quando sono linkati mostrano di essere abbastanza vanitosi 🙂 Ma anche riconoscenti, consapevoli del duro e delicato lavoro di chi si è dato il compito di monitorare le conversazioni in rete. Ricostruendo agende che non sono né evidenti né scontate. I temi delle conversazioni in rete si sono così in parte affiancati e in parte dissociati dalle agende dei media mainstream, a volte amplificando stimoli provenienti da giornali e televisioni, altre volte spostando l’attenzione altrove.

Insomma, si capisce perché non appena scoperto Netmonitor, abbiamo pensato che sarebbe stato interessante portare questa esperienza a Conversazioni dal basso. Vorremmo che ce ne parlasse Vittorio Zambardino, chissà se ci accontenterà 🙂 Ora che il duro lavoro di monitorare quotidianamente la rete si è – temporaneamente – concluso… Fino alla prossima edizione di Netmonitor, già annunciata qui.

Aggiornamento del 21 aprile
: Vittorio Zambardino ci ha accontentato 🙂

Annunci

6 Responses to monitorare la rete

  1. Thomas Galli ha detto:

    La lettura del post mi ha fatto nascere una serie di domande.
    Finalmente.

    Intanto annoto..

  2. Roberta Bartoletti ha detto:

    @Thomas: vorrei che arrivassero almeno 10 domande 😉

  3. Thomas Galli ha detto:

    Vedrò di raggiungere il quorum a breve.

  4. Sara ha detto:

    ahahah ha capito la risposta di Roberta! 😀 [la stessa cosa non può dire di Thomas XDXD]

  5. Thomas Galli ha detto:

    Sara: non avevo visto bene. Ho il sole negli occhi 24 ore su 24.

  6. […] e che ci è sembrata molto positiva. E molto coraggiosa, ho già avuto modo di scrivere qui. Nella conversazione dedicata al rapporto tra classici media di informazione e social media in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: